Manipolazione vertebrale cervicale: effetto placebo singola seduta

Manipolazione Vertebrale Cervicale effetto placebo singola seduta

Manipolazione vertebrale cervicale: gli studi dimostrano che la singola seduta di terapia manuale della cervicale non è efficace per migliorare la meccano-sensibilità neurale.

Il dolore al rachide cervicale è un disordine muscolo-scheletrico comune che colpisce circa il 50%-67% della popolazione nel corso della loro vita, con conseguenti costi associati [1].

L’ipersensibilità sensoriale diffusa è una caratteristica comune in pazienti con disordini associati a colpo di frusta, inoltre può anche essere presente nel dolore al rachide cervicale di origine non traumatica o idiopatica, suggerendo alcune prove inconcludenti di sensibilizzazione centrale (una maggiore sensibilità del sistema nervoso) [2-3-4].

Soglie di dolore pressorio più basse, sono state osservate in pazienti con dolore al collo cronico non specifico sia localmente nella colonna cervicale sia nei tronchi nervosi periferici (nervo mediano, nervi radiale e cubitale) rispetto ai controlli sani [5-6].

Manipolazione vertebrale cervicale: gli effetti

Anche sebbene nessun trattamento attivo sembri nettamente superiore a qualsiasi altro per il dolore al collo, la manipolazione spinale può mostrare un effetto più favorevole sull’aumento delle soglie del dolore pressorio rispetto ad altre forme di terapia manuale o rispetto a interventi simulati (sham), con questo effetto positivo che si ritrova anche oltre la regione locale di manipolazione [7-8-9].

I test neurodinamici dell’arto superiore sono utilizzati per rilevare l’aumentata meccano-sensibilità dei tronchi del nervo del plesso brachiale e riportano un livello soddisfacente di affidabilità [10].

La manipolazione spinale è largamente usata insieme all’esercizio terapeutico, le tecniche di mobilizzazione dei tessuti molli in pazienti che hanno sintomatologia dolorosa alla colonna di origine muscoloscheletrica [11].

La manipolazione vertebrale ha mostrato potenziale efficacia clinica sull’inibizione muscolare, sull’eccitabilità neuromuscolare, e sulla performance funzionale [12-13-14].

L’uso di manipolazione cervicale o toracica ha riportato risultati positivi sulla diminuzione del dolore, sulla mobilità cervicale, e sulla funzionalità generale in soggetti con dolore cervicale meccanico non specifico [7-15-16-17-18].

Tuttavia ci sono reviews che dicono che ancora ci sono insufficienti e discrepanti evidenze a supporto dell’uso di manipolazione cervicale e toracica o delle mobilizzazioni rispetto ad altri interventi di controllo usati su pazienti con dolore al collo [7-19].

All’interno delle tecniche di terapia manuale, la presenza di effetti avversi, sebbene benigni e transitori, sembrano essere più comune nei soggetti sottoposti a manipolazione. Questi rischi percepiti sono solitamente associati a tecniche di manipolazione vertebrale ad alta velocità e bassa ampiezza (HVLAT) [20-21].

Sono stati fatti alcuni tentativi per confrontare l’efficacia della manipolazione cervicale e toracica HVLAT sulla percezione del dolore, sul livello di disabilità, sulla sensibilità al dolore da pressione e sulla mobilità nel dolore al collo [22].

Tuttavia, molti studi analizzati nelle reviews mancavano di un gruppo di controllo, valutavano solo il dolore al collo acuto o combinavano tecniche HVLAT a tecniche di mobilizzazione, quindi non è possibile trarre conclusioni definitive su questo argomento e sono necessarie nuove ricerche per associare effetti periferici con una possibile risposta mediata a livello centrale rispetto all’uso delle tecniche manipolative [22].

Manipolazione vertebrale cervicale: trial clinico

Un trial clinico randomizzato controllato di Bautista-Aguirre et al del 2017, ha eseguito uno studio su 88 pazienti con dolore al collo che poteva estendersi alla testa o agli arti superiori escludendo dolore neuropatico e andando a misurare la sensibilità alla pressione tramite un dinamometro digitale su vari punti dell’arto superiore e valutando l’assenza di dolore e la forza alla presa tramite dinamometro manuale [22].

Nello studio i pazienti sono stati divisi in tre gruppi:

  1. Gruppo controllo: i partecipanti di questo gruppo erano distesi sul lettino e hanno ricevuto un contatto manuale definito finto (sham) con le dita appoggiate lateralmente sulla testa senza movimento o intenzione terapeutica.
  2. Gruppo cervicale: i soggetti di questo gruppo sono stati sottoposti a manipolazione HVLAT C7-T1 da seduti con manovra definita thumb-move manoeuver eseguita bilateralmente.
  3. Gruppo toracico: i soggetti erano distesi sul lettino con le braccia incrociate e hanno ricevuto una manipolazione HVLA a livello di T3 [22].

Dai risultati di questo studio si evince che le manipolazioni HVLAT cervicali e toraciche mostrano un impatto simile sull’aumento della meccano-sensibilità dei rami nervosi dell’arto superiore e sull’aumento della forza di presa in pazienti con dolore al collo meccanico non specifico [22].

Tuttavia questi cambi erano piccoli e sotto la soglia considerata essere clinicamente rilevante inoltre l’intervento placebo riporta risultati simili alla manipolazione spinale [22].

Sempre in questo studio si descrive che la terapia manipolativa provoca ipoalgesia anche oltre l’area di trattamento a livello distale. Cambi nella percezione del dolore dopo la manipolazione vertebrale sono stati spiegati sulla base di meccanismi mediati periferici, nel midollo spinale e sovra-spinali [22-23].

In accordo con altri studi che dichiarano che la qualità dell’evidenza a supporto dell’uso della manipolazione cervicale rispetto ad interventi controllo sul dolore cronico cervicale sia bassa, in questo studio confermano che non ci sono state differenze significative sulla meccano-sensibilità neuronale tra il gruppo che subiva manipolazioni spinali e il gruppo controllo [22].

In particolare non viene spesso considerato negli studi l’effetto placebo che è coinvolto nella diminuzione del dolore anche nelle tecniche di terapia manuale e questo potrebbe essere una possibile spiegazione dei risultati dello studio [22-24].

Il limite di questo studio è che è stata eseguita una sola seduta senza controllo e medio e lungo termine.

Quindi una singola seduta HVLAT fatta sulla cervicale bassa o sulla zona toracica media non è efficace per migliorare la meccano-sensibilità neuronale e l’aumento asintomatico di forza nello stringere la mano in pazienti con dolore meccanico cronico del collo.

Ulteriori ricerche dovranno includere più sessioni di trattamento e un controllo a lungo termine [22].

Bibliografia

  1. Fejer r, Kyvik Ko, hartvigsen J. the prevalence of neck pain in the world population: a systematic critical review of the literature. Eur spine J 2006;15:834-48.
  2. Scott d, Jull G, sterling M. Widespread sensory hypersensitivity is a feature of chronic whiplash associated disorders but not chronic idi- opathic neck pain. clin J pain 2005;21:175-81.
  3. Johnston V, Jimmieson Nl, Jull G, souvlis t. Quantitative sensory measures distinguish office workers with varying levels of neck pain and disability. pain 2008;137:257-65.
  4. Malfliet A, Kregel J, Cagnie B, Kuipers M, Dolphens M, Roussel N, et al. lack of evidence for central sensitization in idiopathic, non-trau- matic neck pain: a systematic review. pain physician 2015;18:223-36.
  5. Chien a, sterling M. sensory hypoaesthesia is a feature of chronic whiplash but not chronic idiopathic neck pain. Man ther 2010;15:48- 53.
  6. Javanshir K, ortega-santiago r, Mohseni-bandpei Ma, Miangolar- ra-page Jc, fernández-de-las-peñas c. Exploration of somatosen- sory impairments in subjects with mechanical idiopathic neck pain: a preliminary study. J Manipulative physiol ther 2010;33:493-9.
  7. Huisman pa, speksnijder cM, de Wijer a. the effect of thoracic spine manipulation on pain and disability in patients with non-specific neck pain: a systematic review. disabil rehab 2013;35:1677-85.
  8. hurwitz El, carragee EJ, van der Velde G, carroll lJ, Nordin M, Guzman J, et al. treatment of neck pain: noninvasive interventions: results of the bone and Joint decade 2000-2010 task force on Neck pain and its associated disorders. spine (phila pa 1976) 26. 2008;33:s123-52.
  9. coronado ra, Gay cW, bialosky JE, carnaby Gd, bishop Md, George sZ. changes in pain sensitivity following spinal manipulation: a systematic review and meta-analysis. J Electromyogr Kinesiol 27. 2012;22:752-67.
  10. Schmid ab, brunner f, luomajoki h, held u, bachmann lM, Künzer s, et al. reliability of clinical tests to evaluate nerve function 28. and mechanosensitivity of the upper limb peripheral nervous system. bMc Musculoskelet disord 2009;10:11.
  11. hurwitz El. Epidemiology: spinal manipulation utilization. J Elec- tromyogr Kinesiol 2012;22:648-54. 29.
  12. Suter E, McMorland G. Decrease in elbow flexor inhibition after cervical spine manipulation in patients with chronic neck pain. clin biomech (bristol, avon) 2002;17:541-4.
  13. dishman Jd, ball Ka, burke J. central motor excitability changes after spinal manipulation, a transcranial magnetic stimulation study. J 30. Manipulative physiol ther 2002;25:1-9.
  14. haavik h, Murphy b. the role of spinal manipulation in addressing 31. disordered sensorimotor integration and altered motor control. J Elec- tromyogr Kinesiol 2012;22:768-76.
  15. de camargo VM, alburquerque-sendín f, bérzin f, stefanelli Vc, 32. de souza dp, fernández-de-las-peñas c. immediate effects on elec- tromyographic activity and pressure pain thresholds after a cervical manipulation in mechanical neck pain: a randomized controlled trial.
  16. Mansilla-ferragut p, fernández-de-las peñas c, alburquerque- sendín f, cleland Ja, boscá-Gandía JJ. immediate effects of atlantooccipital joint manipulation on active mouth opening and pressure 34. pain sensitivity in women with mechanical neck pain. J Manipulative physiol ther 2009;32:101-6.
  17. cross KM, Kuenze c, Grindstaff tl, hertel J. thoracic spine thrust manipulation improves pain, range of motion, and self-reported func- 35. tion in patients with mechanical neck pain. J orthop sports phys ther 2011;41:633-42.
  18. puentedura EJ, landers Mr, cleland Ja, Mintken pE, huijbregts 36. p, fernández-de-las-peñas c. thoracic spine thrust manipulation versus cervical spine thrust manipulation in patients with acute neck pain: a randomized clinical trial. J orthop sports phys ther 2011;41:208-20.
  19. Gross a, langevin p, burnie sJ, bédard-brochu Ms, Empey b, dugas E, et al. Manipulation and mobilisation for neck pain contrasted 37. against an inactive control or another active treatment. cochrane da- tabase syst rev 2015;9:cd004249.
  20. Gross a, Miller J, d’sylva J, burnie sJ, Goldsmith ch, Graham N et al. Manipulation or mobilisation for neck pain: a cochrane review. Man ther 2010;15:315-33. 38.
  21. carlesso lc, Gross ar, santaguida pl, burnie s, Voth s, sadi J. adverse events associated with the use of cervical manipulation and mobilization for the treatment of neck pain in adults: a systematic 39. review. Man ther 2010;15:434-44.
  22. Bautista-Aguirre F, Oliva-Pascual-Vaca A, Heredia-Rizo AM, Boscá-Gandía JJ, Ricard F, Rodriguez-Blanco C. Effect of cervical vs. thoracic spinal manipulation on peripheral neural features and grip strength in subjects with chronic mechanical neck pain: a randomized controlled trial. Eur J Phys Rehabil Med. 2017 Jun;53(3):333-341.
  23. Mcdevitt a, young J, Mintken p, cleland J. regional interdepend- ence and manual therapy directed at the thoracic spine. J Man Manip ther 2015;23:139-46.
  24. bialosky JE, bishop Md, robinson ME, George sZ. the relationship of the audible pop to hypoalgesia associated with high velocity, low amplitude thrust manipulation: a secondary analysis of an experimental study in pain free participants. J Manipulative physiol ther 2010;33:117-24.

 

About Luca Barni

Sono Fisioterapista, osteopata e laureato in scienze motorie. Svolgo la mia professione a Montecatini Terme (Pistoia), affiancando al lavoro pratico, l’insegnamento e la ricerca scientifica. Scrivimi lucabarnistudio@gmail.com

Leave a Comment