Mal di schiena lombare: analisi critica del modello biomeccanico-posturale

Modello biomeccanico-strutturale-posturale

Modello biomeccanico-strutturale-posturale

Analizzando la postura e le cause che possono produrre dolore, lo studio riferito al modello biomeccanico-strutturale-posturale (BSP) associato al mal di schiena lombare è stato profondamente rivisto [1].

Cause del mal di schiena lombare

Studi prospettici hanno analizzato le caratteristiche posturali di gruppi di soggetti asintomatici seguiti negli anni anche durante episodi lombalgici dimostrando che non c’è un collegamento diretto tra mal di schiena e il modello biomeccanico-strutturale-posturale preso in esame [1].

Ad esempio ci sono nei ragazzi scarsità di associazioni tra l’asimmetria posturale, la cifosi dorsale, la lordosi lombare e il mal di schiena, così come nello sviluppo del dolore lombare nell’età adulta [2].

Negli adulti l’estensione della lordosi lombare, la presenza di scoliosi, come anche la differenza regionale di angoli della colonna lombare o del grado di movimento segmentale delle vertebre non si associa con il mal di schiena lombare o con il suo futuro sviluppo [3-4-5-6].

BSP non associati con LBP

  • Trunk aymmetry, thoracic kyphosis and lumbar lordosis in teenagers and developing LBP in adulthood. Elevation of one shoulder, elevation of one hip and deviation of the spine from the median line
  • Low muscle strenght, low muscle endurance or reduced spinal mobility and erector spinea pairs imbalances during extension
  • Variations in lumbar lordosis and thoracic kyphosis. Increased lumbar lordosis and sagittal pelvic tilt on back pain during pregnancy
  • Disc degeneration, spina bifida, transitional lumbar vertebra, spondyloysis and spondylosisthesis
  • Pelvic obliquity and the lateral sacral base angle pelvic 
  • Hamstrings and psoas, flexibility of the lower extremities or leg lenght discrepancy

Anche nella alterazioni strutturali (es. spondilolisi, spina bifida, ernia del disco ecc..) sembra non esserci un collegamento diretto con il mal di schiena lombare, ma un fattore importante, specialmente nella degenerazione del disco associata a dolore, sembra essere il patrimonio genetico ereditato.

Questi fattori ereditari non sono associati con la forma della colonna ma sono collegati alle variazioni del collagene, del sistema e dei processi immunologici e di riparazione; il dolore quindi può non essere dovuto ai cambiamenti meccanici nella colonna vertebrale, ma ai fattori biologici condivisi [7-8-9-10-11].

Altro argomento fortemente dibattuto è la differenza di lunghezza degli arti inferiori e la correlazione con il mal di schiena lombare. E’ stimato che il 90% della popolazione ha una differenza di lunghezza degli arti inferiori con una media di 5,2 mm. Inoltre le evidenze scientifiche suggeriscono che la differenza di lunghezza degli arti inferiori non è clinicamente significante almeno fino a una misura di 20 mm [12-13-14].

Quindi oltre i fattori genetici cosa influenza la comparsa del mal di schiena lombare?

Stress posturali prolungati a lavoro o nelle attività sportive sembrano anch’esse non essere direttamente associati al mal di schiena lombare [15-16-17].

I sistemi biologici contengono capacità di accomodamento per compensare le problematiche posturali. La colonna è in grado di auto-ripararsi e adattarsi in base alle esigenze senza sviluppare sintomi dolorosi.  C’è comunque un livello critico dove i fattori biomeccanico-strutturali-posturali eccedono la riserva di compenso del sistema (valore clinicamente inquantificabile) [18-19].

Dal punto di vista preventivo e di cura non ci sono ricette magiche ma interventi multidisciplinari. Ad esempio la cura dell’ergonomia è un tassello fondamentale per non superare il limite di carico e la riserva di adattamento del nostro sistema inoltre l’attività fisica quotidiana mantiene la funzionalità delle unità motorie con effetto neuroprotettivo [20].

Approfondimenti

Bibliografia

  1. Lederman E. The fall of the postural-structural-biomechanical model in manual and physical therapies: exemplified by lower back pain. J Bodyw Mov Ther. 2011 Apr;15(2):131-8.
  2. Poussa, M.S. Anthropometric measurements and growth as predictors of low-back pain: a cohort study of children followed up from the age of 11 to 22 years. Eur. Spine J. 2005;14 (6), 595e598.
  3. Christensen, S.T., Hartvigsen, J. Spinal curves and health: a systematic critical review of the epidemiological literature dealing with associations between sagittal spinal curves and health. Manipulative Physiol. Ther. 2008; 31 (9), 690e714.
  4. Haefeli, R., Elfering, A., Kilian, R., et al. Nonoperative treatment for adolescent idiopathic scoliosis: a 10- to 60-year follow-up with special reference to health-related quality of life. 2006;31 (3), 355e366.
  5. Mitchell, T., O’Sullivan, P.B., Burnett, A.F., et al. Regional differences in lumbar spinal posture and the influence of low back pain. BMC Musculoskelet. Disord. 2008; 9, 152.
  6. Hamberg-van Reenen, H.H. A systematic review of the relation between physical capacity and future low back and neck/shoulder pain. 2007;130 (1e2), 93e107.
  7. Battie´, M.C., et al. Heritability of low back pain and the role of disc degeneration. 2007; 131, 272e280.
  8. Carragee, E., et al. Discographic, MRI and psychosocial determinants of low back pain disability and remission: a prospective study in subjects with benign persistent back pain. Spine J. 2005;5 (1), 24e35.
  9. Videman, T., Gibbons, L.E., Kaprio, J., Battie´, M.C. Challenging the cumulative injury model: positive effects of greater body mass on disc degeneration. Spine J. 2009;17.
  10. Brooks, B.K., Southam, S.L., Mlady, G.W., et al. Lumbar spine spondylolysis in the adult population: using computed tomography to evaluate the possibility of adult onset lumbar spondylosis as a cause of back pain. Skeletal Radiol.2009.
  11. van Tulder, M.W., Assendelft, W.J., Koes, B.W., Bouter, L.M. Spinal radiographic findings and nonspecific low back pain. A systematic review of observational studies. Spine (PhilaPa.).1997; 22 (4), 427e434.
  12. Fann, A.V. The prevalence of postural asymmetry inpeople with and without chronic low back pain. Phys.Med. Rehabil. 2002;83 (12), 1736e1738.
  13. Gurney, B., Apr 2002. Leg length discrepancy. Gait Posture.2002; 15 (2), 195e206.
  14. Knutson, G.A. Anatomic and functional leg-length inequality: a review and recommendation for clinical decisionmaking. Part I, anatomic leg-length inequality: prevalence, magnitude, effects and clinical significance. Chiropr Osteopat. 2005;13, 11.
  15. Chen, S.M., Liu, M.F., Cook, J., et al. Sedentary lifestyle as a risk factor for low back pain: a systematic review. Arch. Occup. Environ. Health.2009;82 (7), 797e806.
  16. Bakker, E.W., Verhagen, A.P., van Trijffel, E., et al.Spinal mechanical load as a risk factor for low back pain: a systematic review of prospective cohort studies. Spine (PhilaPa.) 2009;34 (8), E281eE293.
  17. Roffey, D.M., et al. Causal assessment of awkward occupational postures and low back pain: results of a systematic review. Spine J. 2010; 10, 89e99.
  18. Paulet, T., Fryer, G. Inter-examiner reliability of palpation for tissue texture abnormality in the thoracic paraspinal region. 2009; 1 (3), 92e96.
  19. Van Nieuwenhuyse, A., et al. Physical characteristics of the back are not predictive of low back pain in healthy workers: a prospective study. BMC Musculoskelet.Disord. 2009;10, 2.
  20. Power GA, Dalton BH, Doherty TJ, Rice CL. If you don’t use it you’ll likely lose it. Clin Physiol Funct Imaging. 2016;36(6):497-498.

About Luca Barni

Sono Fisioterapista, osteopata e laureato in scienze motorie. Svolgo la mia professione a Montecatini Terme (Pistoia), affiancando al lavoro pratico, l’insegnamento e la ricerca scientifica. Scrivimi lucabarnistudio@gmail.com

Leave a Comment