Gestione del dolore lombare acuto e cronico: screening prognostici e metodi educativi

Il dolore acuto non specifico della rachide lombare (LBP) ha spesso una prognosi favorevole.

Diapositiva1

L’intensità del dolore si riduce rapidamente nelle prime settimane e circa il 60% degli individui nell’arco di tre mesi recuperano pienamente le loro attività (il ritorno al lavoro, senza disabilità, e nessun dolore).
Tuttavia, per il 40% dei pazienti che continuano a segnalare il dolore dopo 3 mesi, la prognosi è molto più negativa.

Nonostante questa differenza di prognosi, in molti studi randomizzati, in entrambi i casi, sono stati applicati gli stessi trattamenti, che si sono rivelati un approccio spesso inefficiente. Un approccio alternativo è quello di realizzare interventi specifici nei soggetti con più alto rischio di sviluppare mal di schiena cronico. Avere un approccio ‘stratificato’ di gestione della fase acuta LBP si può considerare una priority.

Gli strumenti di screening prognostici che sono attualmente disponibili per LBP sono di utilità limitata per la prevenzione. La validità predittiva di questi strumenti è sempre minore quando usati all’esterno del campione nel quale erano stati sviluppati.

Questo fa nascere l’esigenza di uno strumento di convalida esterna che abbia le migliori caratteristiche di affidabilità affinché possa diventare uno strumento di screening prognostico per il LBP acuto adatto per la prevenzione secondaria.

In uno studio in corso molto promettente, lo strumento di screening di prognosi sarà sviluppato utilizzando metodi raccomandati dal Prognosis Research Strategy (PROGRESS) Group e verrà riferito usando il Transparent Reporting of a multivariable prediction model for Individual Prognosis Or Diagnosis (TRIPOD). Nella fase di sviluppo, utilizzeranno i dati di 1248 pazienti reclutati per uno studio di coorte prospettico di lombalgia acuta nelle cure primarie. Costruiranno 3 modelli di regressione per prevedere la lombalgia cronica secondo 3 definizioni: qualsiasi dolore, alto dolore e la disabilità a 3 mesi. Nella fase di validazione, useranno i dati da un campione separato di 1643 pazienti con lombalgia acuta per valutare le prestazioni di ogni modello prognostico (Kamper et al, 2015).

Sempre più la scienza ma anche l’esperienza clinica ci indirizza nell’efficacia terapeutica di spiegare i meccanismi del dolore al paziente: in un studio a doppio cieco (partecipante / esito esaminatore) randomizzato controllato verrà studiata l’efficacia di un breve approccio educativo per prevenire il mal di schiena cronico in individui a rischio.

Tutti i partecipanti riceveranno dai loro medici di cure primarie guide di cura aggiornate, oltre agli interventi in studio. Ai medici verrà dato un opuscolo e saranno addestrati sulla somministrazione delle linee di cura basate sulla guida del LBP dell’ Australian National Medical Research Council.

In generale, la linea guida raccomanda che dopo l’esecuzione di triage diagnostico, la cura di prima linea debba essere costituita da consigli, rassicurazione e farmaci analgesici. I partecipanti devono essere rassicurati della natura benigna del LBP, e deve essere loro consigliato di rimanere attivi ed evitare riposo a letto; devono essere poi istruiti sull’uso di analgesici semplici per gestire i propri sintomi. Il professionista può prendere in considerazione le opzioni di seconda linea come la manipolazione vertebrale se il partecipante non risponde alle cure di prima linea.

Questo studio è stato progettato per fornire dati robusti sull’efficacia di un breve trattamento educativo volto a prevenire il mal di schiena cronico. I risultati che si stanno elaborando, secondo quanto dichiarano gli autori, hanno il potenziale per cambiare il modo di come il LBP è gestito nelle cure primarie (Adrian C Traeger et al, 2014).

Bibliografia:
1. Kamper et al, Development and validation of a screening tool to predict the risk of chronic low back pain in patients presenting with acute low back pain: a study protocol
BMJ Open 2015;5:7
2. Adrian C Traeger et al, Pain education to prevent chronic low back pain: a study protocol for a randomised controlled trial BMJ Open 2014;4:6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *