Zampa d’oca: definizione e patologie connesse

Definizione 
L’inserzione combinata dei muscoli gracile, semitendinoso e sartorio, nella porzione mediale del ginocchio, forma una struttura che riproduce la membrana natatoria delle oche, da qui il suo nome. Questi muscoli sono flessori primari e rotatori interni del ginocchio.

La tendinite della zampa d’oca è l’infiammazione di questi tendini nella zona d’inserzione.

zampa d'ocaSpesso associata a tale sindrome abbiamo la borsite della “zampa d’oca” cioè l’infiammazione della borsa sierosa interposta tra la zampa d’oca e le strutture sottostanti come il legamento collaterale mediale.

Perché si realizza?
Il dolore è causato dall’infiammazione dei tendini della “zampa d’oca”, associato o meno all’infiammazione della borsa anserina.

Le statistiche mediche riferiscono che questa sindrome è più comune nelle donne con osteoartrite del ginocchio e in sovrappeso. Tuttavia, il grado di gravità della sindrome non è correlato al livello di degenerazione, è nel ginocchio.
Si crede che sia più comune nelle donne perché hanno un bacino più largo che causa un angolo del ginocchio che porta a un aumento della pressione nella zona di inserimento dei tendini della zampa d’oca.
Inoltre i soggetti diabetici sono coinvolti in grande percentuale.

In che sport si verifica più frequentemente?
Questa è una condizione che principalmente si sviluppa nei fondisti o in giovani atleti (in questo secondo caso per una “sportivizzazione” precoce).
All’interno l’eziologia comprende: traumi, retrazione dei muscoli posteriori della coscia, esostosi o prominenza ossea sulla zona mediale del ginocchio, piede piatto, ginocchio valgo.

Sintomi
Questi includono:

  • dolore nella faccia antero-mediale del ginocchio in particolare quando si va su o giù per le scale;
  • dolore alla palpazione nella zona e occasionalmente edema e consistenza densa del tessuto.

I pazienti possono avere dolore notturno e rigidità mattutina per più di un’ora. I disagi appaiono anche ad alzarsi e/o a sedersi su una sedia.

Diagnosi
Nella maggior parte dei casi, mani esperte e una clinica adeguata sono sufficienti per diagnosticare il problema; in un secondo momento possiamo fare un’ecografia o una risonanza magnetica per aiutare a confermare la diagnosi clinica.
La scomparsa del dolore dopo l’iniezione di anestetico locale può contribuire alla diagnosi.

Trattamento
Il trattamento iniziale dovrebbe comprendere il riposo del ginocchio interessato, crioterapia (per periodi di 15 minuti) in casi acuti e antinfiammatori se prescritti dal medico.
L’utilizzo di un cuscino tra le gambe durante la notte può essere necessario.
Nei pazienti obesi è necessario e fondamentale perdere peso.
Non dobbiamo dimenticare di valutare ed eventualmente correggere fattori secondari come i piedi piatti.
Il controllo del diabete non deve essere ignorato.
Si dovrebbero anche eseguire esercizi isometrici per prevenire ipotrofia del quadricipite.

Nella fisioterapia gli ultrasuoni sono stati documentati come efficaci nel ridurre il processo infiammatorio di tale sindrome. Inoltre, il lavoro di rinforzo della muscolatura del quadricipite (in particolare del vasto mediale) è fondamentale, soprattutto negli ultimi 30 gradi di estensione.
Lo stretching dei muscoli flessori e rotatori interni del ginocchio può fornire una riduzione significativa della pressione nella “zampa d’oca” e della borsa anserina.

Sarà poi fondamentale, nella fase di riatletizzazione, rieducare la corsa e l’appoggio del piede nella sua corretta biomeccanica al fine di prevenire recidive.

 

Bibliografia:
1. Rennie WJ, Saifuddin A. Pes anserine bursitis: incidence in symptomatic knees and clinical presentation. Skeletal Radiol. 2005 Jul;34(7):395-8.
2. Clin Rheumatol. 2014 May 6. [Epub ahead of print] Prevalence of pes anserine bursitis in symptomatic osteoarthritis patients: an ultrasonographic prospective study. Uysal F1, Akbal A, Gökmen F, Adam G, Reşorlu M.
3. Sports Specialization is Associated With an Increased Risk of Developing Anterior Knee Pain in Adolescent Female Athletes. Hall R, Barber Foss K, Hewett TE, Myer GD. J Sport Rehabil. 2014 Mar 12. [Epub ahead of print] PMID: 24622506 [PubMed – as supplied by publisher].
4. G. Lambertini, Manuale di Anatomia dell’Uomo, vol. 1., Piccin.
 
Zampa d'oca_Dott. Luca Barni_slide 1 Zampa d'oca_Dott. Luca Barni_slide 2 Zampa d'oca_Dott. Luca Barni_slide 3 Zampa d'oca_Dott. Luca Barni_slide 4

13 commenti

  1. Salve dottore mi anno detto che oggi la patologia della zamba d’oca ma o fatto una infiltrazioni ai ginocchi ora uno non passa cosa devo fare mi puoi aiutare

  2. Gabriele Scherini

    Buongiorno Dottore.
    Quali esercizi di streatching per curare borsite zampa d’oca?
    Grazie.

    • Salve deve effettua lo stretching della muscolatura posteriore della coscia meglio se tiene la gamba in leggera intrarotazione. Se mi manda una mail riesco a mandarle la foto dell’esercizio. saluti

    • Salve, deve eseguire stretching degli Hamstring in particolare del semitendinoso se mi scrive alla mia mail le mando l’immagine.
      Saluti

  3. Salve, un giorno correndo ho accusato un dolore sulla parte esterna del ginocchio. L’ecografia riscontrò un ispessimento ipoecogeno del legamento collaterale laterale di significato flogistico acuto di lieve entità, un pò più marcato al terzo distale. Dopo mesi di riposo e 3 sedute di terapia d’onda d’urto, il problema non si è risolto, quindi ho fatto una risonanza magnetica con questa diagnosi:

    assenza di significativo versamento articolare
    regolari le strutture meniscali.
    nei limiti della norma i legamenti crociati ed i legamenti collaterali. In particolare non si osservano alterazioni a carico delle inserzioni del legamento collaterale esterno.
    Nei limiti il tendine del muscolo quadricipite, il tendine rotuleo e l’articolazione femoro-rotulea.

    come può essere possibile? io quando vado a correre il problema c’è l’ho ancora.
    Escludendo la bandeletta ileo-tibiale,quali potrebbero essere delle altre cause simili?

    vi ringrazio anticipatamente

    • Salve direi che lo stretching della bendelletta ileo-tibiale potrebbe essserle di aiuto.
      inoltre dovrebbe verificare se ha una corsa corretta e il tipo di calzature idonee per le sue caratteristiche fisiche.
      Saluti

  4. Gabriella schauer

    Salve,vorrei porre un quesito, due anni fa mi si è gonfiato il ginocchio e mi era stato diagnosticato un’infiammazione alla zampa d’oca. Ho visto più di uno specialista e fatto ecografie e risonanze magnetiche: ginocchio,anca sacrale, piedi ecc. Mi hanno consigliato ultrasuoni e laser che ho fatto senza risolvere definitivamente il problema. Da luglio scorso mi è comparso anche un dolore all’attaccatura della stessa gamba nella parte interna. Trattata anche questa con laser ultrasuoni e tecar. Il dolore alla gamba va e viene. Ho portato anche i plantari! Abbandonati perché mi veniva il mal di schiena! Ora ho un’altra volta il versamento alla zampa d’oca e al ginocchio e dopo aver speso tanti soldi La ringrazio molto se può indicarmi una soluzione definitiva del problema.

    • Salve il quadro non è molto chiaro, sembra essere un problema di origine biomeccanica da carico sul compartimento interno del ginocchio.
      Ha fatto una valutazione fisioterapica?
      mi scriva alla mia mail cosi posso darle maggiori consigli.
      Saluti

  5. Salve,

    Volevo chiederle se esistono anche per questo problema ginocchiere o tutori come nel caso della bandelletta.
    Grazie

    • Salve, esistono alcune tipi di ginocchiere al carbonio con taping integrato, dicono le ditte produttrici che funzionano….. sinceramente non vedo nessuna spiegazione scientifica che le avvalori, l’unico effetto possono avere può essere dato dalla leggera compressione che può dare un po di sollievo. La terapia comunque rimane altro. A presto

    • salve in questo caso i tutori sono poco efficaci, meglio eventualmente l’uso di taping elastico combinato alle altre terapie.

  6. buongiorno dottore le vorrei fare i più vivi complimenti per la sua trattazione che è esauriente e che a differenza delle altre include anche il controllo glicemico,a riguardo di ciò le vorrei chiedere :”perchè possa influire ?” .Inoltre con la risonanza magnetica al ginocchio in generale senza specifica della zampa d’oca è possibile diagnosticarla?oppure bisogna proprio richiedere quella specificazione ?e per ultima una scarpa come un Air max usata tutti i giorni con il suo dislivello tra tallone e punta di 2cm. circa può causare la zampa d’oca?
    Grazie del suo artiolo che ho trovato molto utile,
    Luca

    • salve, grazie per i suoi commenti! per il fatto che i soggetti diabetici siano più predisposti lo conferma il fatto della compromissione del microcircolo e del sistema nervoso( neuropatia diabetica) dati dal diabete. queste disfunzioni affliggono anche strutture come le strutture inserzionali in esame, inoltre la resistenza insulinica determina un accumolo di grasso che favorisce la produzione di sostanze pro-infiammatorie.
      Per la risonanza se fatta con un buon strumento e repertata da un bravo radiologo è possibile vedere alterazioni e raccolte fluide in sede. saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *